Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu
Il Consulente Fee Only

Il Consulente Fee Only

In qualità di Consulente Patrimoniale Indipendente  ti supporto nelle scelte legate al tuo patrimonio in ottica di Pianificazione; ti fornisco consigli ed indicazioni   disinteressate e prive di ogni sorta di conflitto di interessi.

Il consulente Patrimoniale indipendente:

  • Non vende nessun prodotto bancario, finanziario, assicurativo e non effettua raccomandazioni personalizzate su prodotti finanziari.
  • E’ un professionista remunerato esclusivamente a parcella dal proprio cliente;
  • Assiste il cliente presso la sua banca di fiducia a titolo di supervisore di parte terza.

Ti  offro una consulenza non “di parte”, metto subito in evidenza i reali costi dei prodotti finanziari (parcelle occulte) e le inefficienze degli stessi che gli operatori finanziari abilitati ti hanno proposto. Il tutto finalizzato ad una vera Consulenza Patrimoniale e soprattutto finalizzato al raggiungimento di quelli che sono i tuoi obiettivi di Vita dichiarati ed evidenziati.

Per me  è essenziale la professionalità e la preparazione, e per questo investo continuamente in attività formative qualificate, funzionali alla conoscenza e alle consulenze.

Da analisi condotte su centinaia di portafogli degli investitori italiani è  emerso  come mediamente, un investitore sopporta ogni anno un “prelievo” che si aggira intorno al 3% del patrimonio in gestione in ciò che io definisco  “parcella occulta”. Tra i miei obiettivi c’è anche quello di evidenziare prodotti e portafogli inefficienti.

Tra i vantaggi immediati dall’essere seguito da un Consulente Patrimoniale che si occupa di Tutela del Patrimonio  c’è sicuramente quello di poter constatare una  forte riduzione dei costi (fino all’80%)  che gravano sui tuoi investimenti.

Alcuni servizi di analisi e di consulenza svolti da InveXpert (Consulenza Generica):

  • Verifica se quanto dichiarato nel prospetto informativo di ogni singolo prodotto corrisponde alla realtà (gestione attiva e passiva);
  • Verifica di aspetti non quantificati (ammontare delle commissioni di acquisto/vendita dei titoli contenuti nei prodotti del risparmio gestito);
  • Valutazione dei costi connessi al “rigiro” dei portafogli (frequenza delle compravendite di titoli);
  • Valutazione della “best execution” (differenziali denaro/lettera);
  • Verifica dell’utilizzo di benchmark corretti (benchmark di comodo e/o senza dividendi);
  • Cambi di benchmark e di commissioni nel tempo, cambi di denominazione del prodotto, di classificazione nelle categorie, incorporazione, ecc.;
  • Verifica del metodo di calcolo delle commissioni di performance;
  • Valutazione della qualità della gestione nel tempo (con utilizzo di indicatori quantitativi specifici).

 Clicca e guarda : CHI E’ E COSA FA IL CONSULENTE FINANZIARIO INDIPENDENTE

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Contattami