Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

Posted on 19 Ago 2019 in Altro, Consigli, Consulenza finanziaria, Educazione finanziaria, Pianificazione finanziaria

Rendiconti costi Mifid 2 – Sono di facile comparazione? – Alcuni spunti di riflessione.

Rendiconti costi Mifid 2 – Sono di facile comparazione? – Alcuni spunti di riflessione.

Mi è capitato in questi giorni di agosto di analizzare un po’ di Rendiconti costi e oneri Mifid2 che molti risparmiatori mi hanno girato.

I.M.S. – Integrated Management services   eroga  il servizio di Check Up Report costi Mifid2

L’analisi  e la comparazione tra più intermediari di questi prospetti richiede una competenza specifica e del tempo da dedicarci.

Personalmente sono giunto alla conclusione  che alcuni aspetti vanno sicuramente chiariti e modificati al fine di renderli omogenei all’analisi ed al confronto, altrimenti il fine nobile per cui Mifid2 li ha istituzionalizzati, si scioglie come neve al sole.

Ecco alcuni spunti che vorrei condividere con voi. Cosa ne pensate?

  • La fiscalità genera disomogeneità di analisi  tra strumenti in amministrato ed in gestito
  • I costi vengono scissi tra costi relativi ai prodotti e costi connessi al servizio di consulenza (quale è la discriminante se il cliente non paga una parcella esplicita per la consulenza?)
  • Nell’estratto conto vengono evidenziati pagamenti ricevuti da terze parti (incentivi)  sembrerebbero non essere sostenuti direttamente dal cliente. Talvolta però vengono incluse nel totale costi e oneri e talvolta completamente esclusi da cosa dipende? Chi decide questo? Se non li sostiene il cliente chi li paga? Qualcuno mi ha detto sono incentivi (rebates) riconosciuti dalla SGR  al “collocatore”. Ma se non lo sostiene il cliente questo costo è una elargizione liberale? A mo di onlus? DUBITO

Per quanto riguarda CHIAREZZA. TRASPARENZA ED OMOGENEITA’ DI Analisi e di Confronto  ci sono ancora Ampi Margini di Miglioramento 

Mi sono fatto anche altre domande

I prodotti di investimento assicurativi e quindi (Unit e Index), le gestioni separate, le polizze di capitalizzazione dovrebbero essere equiparate ai prodotti finanziari e quindi soggetti alla normativa Mifid2. Gli altri prodotti assicurativi dovrebbero essere assoggettati alla normativa IDD quando vedremo i primi prospetti riferiti ai prodotti assicurativi? In modo tale  che si possono analizzare  e comparare assieme prodotti finanziari ed assicurativi?

Questi sono solo alcuni dei quesiti che mi sono appuntato dalla lettura dei Rendiconti in questo mese di agosto  e che sono certo qualcuno di voi mi saprà meglio chiarire e commentare.

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Contattami